I Migliori Hotel

I Migliori B & B

Sale Ricevimento e Bar

Tu sei qui

Soverato "La Perla dello Jonio"

La sua Storia

Dal punto di vista storico, Soverato, sorge sul territorio che, a suo tempo, si dice sia stato occupato da un villaggio a cui la tradizione erudita locale ha attribuito il poleonimo, attestato solamente per il secolo XVII, di Poliporto, toponimo a cui sono stati attribuiti varie interpretazioni. Il nome Suberatum fu dato al villaggio, a seguito della ricostruzione sulla collina sovrastante la costa, durante il X secolo d.C. Pochi sono i documenti esistenti relativi alla cittadina di Soverato ma, fondamentale, è un testo storico che registra la presenza di un mulino all'interno di un territorio denominato Suberati. Durante gli anni il nome modificò per raggiungere l'attuale forma. Tra i tanti nomi attribuitigli ricordiamo Sughereto, Sovrato e Subrato. In riferimento al nome odierno, si ritiene che coloro i quali attribuirono questo nome al villaggio presero spunto dal grande numero di alberi da sughero presenti nel territorio. Altre ipotesi, molto fantasiose, sono prive di fondamento e quindi vengono scartate. Nella parte alta della città restano dei ruderi della città che viene chiamata Soverato Antica o "Soverato Vecchio". Si tratta di un abitato che fu distrutto dal Terremoto del 1783 che colpì il sud Italia. In realtà si trattò di una serie di terremoti che ebbero inizio il 5 febbraio 1783 e a cui seguirono più di 900 scosse fino al 28 marzo 1783. La scossa che recò maggiore danni a Soverato Antica, secondo alcuni studi, risale al 28 marzo 1783 ed ebbe epicentro fra i Comuni di Borgia e Girifalco. Soverato "da vedere" offre anche una serie di opere di altissimo contenuto storico come ad esempio la Pietà del Gagini (1521) oppure il borgo antico - sopra descritto - denominato "Soverato vecchio". È stata dichiarata città dal Presidente della Repubblica Giovanni Leone. Il 9 settembre del 2000, un'importante alluvione colpì la parte nord di Soverato, distruggendo un campeggio e provocando 12 morti e 1 disperso.

Soverato
(Suvaràtu in calabrese)

è un comune italiano di 8.703 abitanti
della provincia di Catanzaro in Calabria.
E' situato nella parte sud del golfo di
Squillace, distante circa 30 km dal
capoluogo di regione. Rappresenta il polo
turistico più importante sulla costa jonica
e proprio per la sua bellezza è difinita
"la perla dello Jonio"

Scalea (Scalìa in calabrese)

è un comune italiano di 10.330 abitanti
della provincia di Cosenza in Calabria.
Sede di insediamenti fin dalla preistoria,
dopo la costruzione di un convento
francescano nel XIII secolo ad opera di
Pietro Cathin, discepolo di Francesco
d'Assisi, divenne un centro religioso e
culturale. Per la posizione di scalo
marittimo
, fu sottoposta nei secoli
dagli attacchi di saraceni e corsari. 
Fortemente danneggiata dai 
bombardamenti aeronavali da parte
delle forze armate anglo-americane
nel corso dell'ultimo conflitto, è centro
turistico e balneare, con la città vecchia
arroccata a dominare la parte moderna
che si affaccia sulle ampie spiagge

Scilla
(anticamente u Scigghiju in calabrese) 

è un comune italiano di 5.097 abitanti
della provincia di Reggio Calabria, in
Calabria. Importante località turistica
e balneare poco a nord di Reggio,
Scilla costituisce uno tra i borghi più
belli e caratteristici d'Italia, meta di 
artisti in ogni epoca e di ogni
nazionalità e frequentatissima meta
estiva.

  • Dove alloggiare
  • Dove mangiare

     

 

Ci puoi trovare su

Portale sulla Calabria realizzato dall' Ing. Spanò Piero Francesco -  http://ingegnerespano.it

Theme by Danetsoft and Danang Probo Sayekti inspired by Maksimer